SOLO IN TEATRO


Solo in Teatro è il nuovo progetto per il teatro scritto dalla regista e coreografa Caterina Mochi Sismondi e prodotto e sostenuto dalla Fondazione Cirko Vertigo per la Nuova Stagione Teatrale 2020-2021. Il progetto si sviluppa negli spazi del teatro Café Müller di Torino e prende il via sabato 3 ottobre 2020, con il primo spettacolo della danzatrice Marigia Maggipinto, visibile sia in sala, nel rispetto delle norme anti Covid, sia in streaming sul sito niceplatform.eu. 

In un periodo di grande incertezza per il settore dello spettacolo dal vivo, che ha visto i teatri affrontare grandi difficoltà nella programmazione e molte incertezze per l’autunno e l’inverno, Cirko Vertigo presenta un progetto innovativo per la Stagione Teatrale nel suo teatro di Torino Café Müller. Caterina Mochi Sismondi, che dirige la compagnia blucinQue e il Cafe Müller di Torino, e il direttore della Fondazione Paolo Stratta hanno il desiderio di riportare non solo il pubblico in teatro in piena sicurezza, ma anche il lavoro dell’artista al centro della scena, fisicamente e online.

Per la prima volta una idea artistica, quella di Caterina Mochi Sismondi, diventa motore di un progetto di sviluppo organizzativo che crea il presupposto per una trasformazione nel modo di intendere e promuovere il rapporto dell’opera d’arte con gli spettatori”, afferma Paolo Stratta.

Attraverso il lavoro dell’artista, lo spazio rimane vitale, parla di sé e delle persone che lo fanno rivivere; così anche il teatro viene messo in luce, nella sua momentanea solitudine, come luogo architettonico di collettività, che si trova oggi svuotato e ha necessità di rideterminarsi”, spiega Caterina Mochi Sismondi.

Un format inedito e un nuovo modo di stare in teatro che vedono coinvolti alcuni dei più grandi esponenti italiani e internazionali dei generi teatro-danza-musica-circo e che si snoderanno su due direttrici: a ogni artista è stato chiesto di presentare una creazione di venti/trenta minuti di un proprio Solo (estratto di lavori precedenti o di una nuova creazione) preceduto da un docufilm fatto con riprese del “dietro le quinte” e interviste, che verranno trasmessi in streaming prima dello spettacolo e rimarranno fruibili on-demand. Per ogni performer è infatti organizzata una residenza di sei giorni consecutivi durante i quali, con la collaborazione di un fotografo e di un operatore video, viene raccontato il percorso artistico.

Gli spazi del Teatro Café Müller di Torino si trasformano in un “set cinematografico”, una piattaforma di collaborazione e dialogo tra staff del teatro e performer. I materiali realizzati durante la residenza avranno come risultato finale una sorta di monografia, tra lo spettacolo dal vivo e il docufilm, che svelerà al pubblico (sia a quello presente in sala che a quello collegato in streaming) aspetti inediti della professione dell’artista.

Fondamentali inoltre i ruoli degli operatori video Stefano Rogliatti e Fabio Melotti e del fotografo Andrea Macchia nel percorso di costruzione dell’opera, oltre alla presenza della direzione artistica e della regia di Caterina Mochi Sismondi, alle luci di Massimo Vesco e alla presenza dello staff della Fondazione coinvolto nel progetto anche per l’allestimento del set e della biglietteria. I critici Chiara Castellazzi e Tommaso Chimenti si rapporteranno invece con gli artisti per far emergere i loro percorsi e le loro personalità attraverso domande e dialoghi.

Fondazione CRT, da sempre attenta all’innovazione e alla contemporaneità, sostiene la Fondazione Cirko Vertigo, vero e proprio polo di eccellenza dello spettacolo dal vivo, capace di adattarsi al cambiamento con flessibilità e intelligenza creativa – afferma Giovanni Quaglia, Presidente della Fondazione CRT, che sostiene il progetto Solo in Teatro –: ne è una dimostrazione questa nuova progettualità, che offre l’opportunità di vivere a 360 gradi l’esperienza teatrale, rendendola fruibile a distanza in ogni momento”.

Solo in Teatro proseguirà dopo i primi sei appuntamenti con un focus sul corpo e sul movimento in scena: è questo il comune denominatore che lega gli artisti che andranno in scena all’interno della stagione. Gli altri artisti in cartellone saranno: Michela Lucenti, capofila di una formazione dei danzatori-attori del Balletto Civile; Sandhya Nagaraja, ballerina, cantante e coreografa di origini italo-indiane; Roberto Zibetti, attore e regista teatrale e cinematografico; Antonio Fazio, giovane attore e cantante romano; Eugenio Allegri, attore di teatro e cinema, già direttore artistico del Teatro Fonderia Leopolda di Follonica; Jacob Olesen, attore poliglotta che ha recitato in tutto il mondo; Elisa Mutto, danzatrice e acrobata aerea; Tiziana Prota, artista di circo contemporaneo; Salvatore Cappello, artista di circo, attore e danzatore; Delia Ceruti, artista circense; Leo Bassi, artista internazionale, attore e comico; Vladimir Ježić, artista di circo contemporaneo, Bea Zanin, violoncellista e musicista elettronica; Erika Urban, attrice teatrale; Sergio Antonino, danzatore fondatore della compagnia Kaiser&Antonino; Gianluca Pezzino, musicista, cantante e danzatore; Michele Di Mauro, attore e regista teatrale e cinematografico.

 


30/09/2020
Torna alle news