Jérôme
Thomas

Jérôme Thomas, padre della giocoleria contemporanea europea, artista eclettico, danzatore, regista e coreografo, inizia la sua carriera nel circo e nel cabaret, vincendo una medaglia di bronzo al Festival Mondiale du Cirque de Demain nel 1984. Negli anni novanta comincia a sviluppare un proprio linguaggio, ispirandosi alla danza contemporanea e creando la giocoleria cubica, una pratica che intreccia e alterna i movimenti degli oggetti ai movimenti del corpo, dando vita ad un mélange unico di manipolazione e danza. Creatore di innumerevoli spettacoli a partire dal 1988, fonda nel 1993 la Armo (atelier di ricerca e manipolazione d’oggetti) – Compagnie Jérôme Thomas, con cui produce numerosi lavori. È il creatore, con l’aiuto di differenti artisti, del primo Festival di giocoleria contemporanea e improvvisata e ha collaborato per molti anni con la Scuola di Circo di Mosca. Nel 2001 è stato direttore artistico di Arte della giocoleria al parco della Villette di Parigi e nel 2011 e nel 2014 ha tenuto stage presso la Scuola di Cirko Vertigo. Nel 2015 mette in scena gli artisti del Cnac di Châlons-en-Champagne nello spettacolo Over The Cloud, elaborando una nuova visione di circo, il cirque à nouveau. Giocoliere esuberante, iperdinamico, fluido e snodato, è legato ai significati simbolici che i suoi spettacoli possono assumere e considera la sua disciplina arte autonoma, potenzialmente in grado di esprimere qualsiasi concetto: autore di spettacoli di giocoleria coreografica e poetica, tanto collettiva, con ardite e tecnicamente elaboratissime coreografie di gruppo, quanto semplice e minimalista, basata sull'uso di una sola palla o sulla manipolazione di oggetti virtuali che danno luogo a numeri ipnotici, Jérôme Thomas affonda nei valori dell'esercizio di improvvisazione, della ricerca di equilibrio tra tecnica sublime e imprevisto, dell’accettazione dell’errore, le radici della sua pratica creativa.