Hamlet Puppett

Michela Lucenti
  • genere
    danza
  • data
    27/02/2021 20:00

Introduzione allo spettacolo

La performance è preceduta da un’intervista con la protagonista e dalle immagini del suo dietro le quinte della residenza artistica e delle prove al Teatro Café Müller.

Un microfono che pende e uno spaventapasseri nascosto da un cappellaccio, nelle mani due fascine. L'installazione è avvolta da una sonic sphere, un flusso continuo di suono dal quale nascono delle canzoni, che diventano dei ritornelli che si fissano nella testa dello spettatore. Sul fondo, uno schermo bianco sul quale vengono proiettati film di campi arati. Lo spaventapasseri prende vita, è un Amleto fantoccio del teatro. Da queste suggestioni prende forma Hamlet Puppett - Progetto fisico-sonoro per spaventapasseri e musicisti di Michela Lucenti, una performance che unisce musica, recitazione e danza, fuse insieme e tese a un medesimo scopo: riflettere sull'essenza della vita e dell'arte, perché l'essere o non essere riguarda ognuno di noi. 

l'universo dell'artista

"Amleto non guarda il mondo dall’esterno come uno spaventapasseri?
Noi artisti non siamo un po’ la stessa cosa?

Il peso dei padri non ricade su ognuno di noi?

E quante volte ci chiediamo se sia meglio essere o non essere, forse dormire.
...mio padre riflesso nell’occhio della mia mente...

Mica male la maglietta con lo spaventapasseri ...

Io sto trovando un po’ di soldi, almeno per cominciare."

Crediti

di e con 
Michela Lucenti