Una luce nella selva oscura

Roberto Zibetti
  • genere
    teatro
  • data
    08/05/2021 19:00

Introduzione allo spettacolo

La performance è preceduta da un’intervista con il protagonista e dalle immagini del suo dietro le quinte della residenza artistica e delle prove al Teatro Café Müller.

I settecento anni dalla morte di Dante Alighieri, che ricorrono nel mese di settembre 2021, sono lo spunto per Zibetti per avviare un lavoro di riscoperta della sua Comœdia in termini di racconto sonoro e cinematografico. Come il raggio del proiettore, passando attraverso i fotogrammi in movimento di una pellicola, crea sullo schermo delle immagini cinetiche, così la viva costruzione drammaturgica di Dante, illuminata dal possente faro dell'Empireo da lui concepito, restituisce ai nostri sensi un racconto vieppiù meraviglioso del cammin di nostra vita, nonché dei molteplici livelli che lo compongono. Una luce nella selva oscura - Canto I dell'Inferno di Dante affronta dunque il primo canto, che è quello programmatico, in cui il Poeta illustra al Lettore (pubblico, ascoltatore, destinatario e testimone insieme) la preziosa cornice simbolica in cui sarà incastonato il racconto del suo salvifico viaggio all'interno del sé.

Artisti e tecnici

Crediti

di e con Roberto Zibetti,
liberamente tratto dal I canto della Divina Commedia di Dante Alighieri